Download Free FREE High-quality Joomla! Designs • Premium Joomla 3 Templates BIGtheme.net

Robot. Benvenuti nel futuro.

 

La Boston Dynamics è un’azienda che produce Robot. Investe la maggior parte dei propri utili in ricerca e sviluppo e da diversi anni sta lanciando le basi per divenire azienda leader di mercato in un settore di primaria importanza come quello dell’automazione robotica.

Atlas è il loro robot di ultima generazione, in grado di muoversi, riconoscere l’ambiente circostante, ricercare oggetti ed eseguire azioni complesse. Rispetto ai prototipi precedenti, Atlas è in grado di coordinare i propri movimenti in modo impressionante. La tecnologia a bordo gli consente di superare gli umani in molte attività, nei movimenti di agilità come nei salti e nella corsa. Personalmente sono rimasto molto impressionato dal video che vi propongo e vorrei condividere con voi un punto di vista.

Le riflessioni che ho fatto sono queste.

Sta in piedi con un algoritmo.

Intanto è stato possibile ricreare i movimenti, la coordinazione e l’equilibrio di un atleta all’interno di un algoritmo. Fino a poco tempo fa ritenevamo che queste fossero funzioni della fisiologia umana di altissimo livello. Insieme al pensiero ed alla consapevolezza.  

Cosa ce ne facciamo?

Viviamo in un mondo costruito per gli Umani. Un robot può essere impiegato in tutte quelle attività di interazione con l’ambiente che sono normalmente usate dagli uomini. Banalmente, aprire una porta usando la maniglia fino ad esplorare un impianto nucleare contaminato, usando un androide che possa salire le scale, girare valvole, usare un estintore. Gli utilizzi sono infiniti e come sempre temo che l’impiego militare la farà da padrone.

Una società diversa

Sicuramente sarà necessario ripensare la società dei prossimi cinquant’anni.  E’ difficile, oggi, prevedere come si evolverà la società del futuro. Le macchine diventaranno sempre più evolute ed in grado di superare gli essere umani in intelligenza, forza, ed agilità. Queste tecnologie diverranno sempre più a buon mercato e gran parte del lavoro manuale passerà indubbiamente ai robot. Non sono del tutto chiari, almeno a me, gli impatti sociali, economici e politici della diffusione di una tecnologia come questa.

Dobbiamo preoccuparci?

Il dibattito su intelligenza artificiale e robotica è aperto da diverso tempo. Molti dei grandi uomini di tecnologia hanno sollevato dei dubbi su come l’intelligenza artificiale possa costituire un rischio per la razza umana. Secondo il fisico Stephen Hawking, NON tutte le intelligenze artificiali saranno necessariamente Terminator. Anzi, potranno essere d’aiuto all’uomo: mentre per Elon Musk l’interazione uomo macchina dovrebbe essere regolamentata da norme certe al più presto. In questo momento non esiste regolamentazione, i settori industriali, la politica e l’economia privata avranno la necessità di affrontare questo argomento.

Parlando di intelligenza artificiale Musk ha affermato diverse volte che si tratta del:

“biggest risk we face as a civilisation”,

il più grande rischio che la nostra civiltà deve affrontare. Aggiungendo che:

“L’intelligenza artificiale è un caso raro in cui dobbiamo essere proattivi nella regolamentazione, invece che reattivi, perché se fossimo reattivi nel normare questo tema, sarebbe troppo tardi”

Il futuro con Robot ed Intelligenza Artificiale sarà un’opportunità o una minaccia? Voi casa ne pensate? 

 

 

Share This:

Ti chiedo un piccolo piacere. Questo articolo è frutto di tanto impegno. Aiutami a condividerlo. Basta un click! Marcello Incarbone
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

About marcello

Marcello Incarbone è nato a Mazzarino (CL) nel 1973. Laureato in Economia all’università statale di Palermo, lavora nel settore Telecomunicazioni occupandosi di Information Technology e Strategie. Ha due figli Francesco e Fabiana di 11 e 5 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *