Download Free FREE High-quality Joomla! Designs • Premium Joomla 3 Templates BIGtheme.net

Inverter Grid Tie – Risparmiare col fotovoltaico fai da te.

Volete dare una bella sforbiciata alla bolletta di energia elettrica? inverter grid tieSo che volete farlo. Seguite questo tutorial allora!

Oggi andremo a costruire un piccolo impianto fotovoltaico che produce energia e la immette direttamente nella rete elettrica tramite una comune presa. Si, avete capito bene, nessun uso di batterie. Produrremo semplicemente energia pulita e libera tramite il sole e la canalizzeremo all’interno della nostra rete domestica.
L’energia sarà contabilizzata dal contatore e dedotta dai vostri consumi. Tradotto: un buon risparmio sulla bolletta elettrica. Dimensionando bene l’impianto potreste addirittura azzerare i consumi. Questa meraviglia è possibile grazie ad uno strumento chiamato Inverter Grid Tie. Ma andiamo per gradi e seguiamo i passaggi descritti in questo tutorial per capire cosa ci serve.

Burocrazia?

In Italia, solo se un impianto supera la capacità di 1 kWp (Kilowatt Picco) è necessario comunicare all’ENEL che immetteremo energia sulla rete elettrica invece di prelevarla. In questo caso bisogna anche attivare il “conto energia” con il gestore della rete.  Il “conto energia” è un contratto fra voi ed il gestore, che prevede modalità ed importi con cui verrete pagati per l’energia prodotta.

In questo articolo non vi spiegheremo come fare. Infatti non vogliamo attivare questo contratto e seguire una trafila burocratica snervante. Inizieremo, invece, da impianto di potenza minore a 1kWp che ci consentirà di risparmiare sui consumi con una spese ragionevole.

L’inverter si collega ad una presa di casa e non sono necessarie altre pratiche burocratiche, solo assicurarsi che il contatore Enel sia “bidirezionale”.

 

Un altro aspetto è che è necessario utilizzare solo inverter con omologazione. Infatti devono disporre di un meccanismo di rilevazione dei black-out e che nel caso di mancanza di energia interrompano l’immissione in rete. Chiariremo questi aspetti in seguito.

Il contatore giusto

Innanzi tutto bisogna verificare che il proprio contatore sia bidirezionale. Se non lo fosse allora non sarebbe in grado di contatore_bidirezionaleleggere le informazioni sull’energia immessa. Verificare è molto semplice. Controllate che sul vostro contatore sia presente il simbolino dell’immagine di fianco. Se il simbolino non fosse presente dovrete contattare enel e chiedere la sostituzione del contatore con uno che possa essere usato per l’immissione dell’energia nella rete elettrica.

L’inverter giusto

L’inverter deve essere obbligatoriamente omologato. Deve essere dotato di un meccanismo di rilevazione dei black-out, che interrompa l’immissione di energia in rete. Si tratta di una misura di sicurezza obbligatoria in Italia.

soladin

 

Ti chiedo un piccolo piacere. Questo articolo è frutto di tanto impegno. Aiutami a condividerlo. Basta un click! Marcello Incarbone
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *